Dr.ssa Francesca Consonni


I treni passano sempre…

Ieri sera una mia paziente con sfiducia e dolore mi diceva che ‘l’amore capita, non lo decidi, pertanto non è detto che sarà cosa per me’.
Il suo passato e la sua storia l’hanno portata oggi ad avere uno sguardo disilluso e rassegnato nei confronti di sé e delle relazioni sentimentali.
Le ho detto allora che i treni passano sempre, siamo noi a decidere di voler salire e affrontare il viaggio, anche se non conosciamo da subito la destinazione.
E siamo sempre noi a decidere di scendere ad un certo punto interrompendo la corsa.
Alcune persone evitano di salire sui treni, perchè hanno paura, non si fidano, temono la velocità o il non sapere chi avranno seduto a fianco.
Altre salgono su quanti più possibili riescono, e alla fine non si fermano mai e viaggiano in continuazione senza raggiungere mai un luogo.
Altre ancora prendono sempre immancabilmente lo stesso treno, aspettandosi ogni volta che la destinazione cambi, ma sapendo nel profondo di sé che quello è il treno che arriverà a ‘non fa per me’.
Altre lo aspettano da sempre, ma si trovano sul binario sbagliato, convinte che prima o poi passera di lì, ostinate nel pensare che sia il treno a non passare, a sbagliare, non loro.

Altre stanno viaggiando, con il tempo si sono abituate alla velocità, alle fermate, ai vicini di posto, alle buie gallerie e ai cambi di temperatura, non sanno di preciso quale sia la meta, ma sentono che è quella giusta per loro, tengono conto di quel pizzico di imprevedibilità inevitabile, affrontano ogni giorno la sfida di stare e continuare a stare più o meno comode tra gioie e difficoltà, amandosi e amando.

treno

Illustrazione di Catia Chien

Annunci

Nell’attesa leggo..

Aspettando il prossimo paziente leggo poesie di Chandra Livia Candiani. Che brava! Le sue parole mi evocano un senso di libertà e di sincerità, sono a tratti dure e dolorose ma calmano, cullano..

Questo slideshow richiede JavaScript.


SIAMO TUTTI UN PO’ EROI

Tempo fa gli amici Sara e Andrea mi fecero un augurio regalandomi questa canzone di Bruno Tognolini e Antonello Murgia. Si chiama ‘INNO DEL CORAGGIO’. Ogni tanto la riascolto, quando ne ho bisogno, e mi faccio il pieno di carica, allegria e autostima. Il testo, scritto per bambini, è meraviglioso e, un pò come tante cose nate per il pubblico più piccino, credo possa piacere tanto anche agli adulti, ai genitori, e perchè no, alle maestre che potrebbero utilizzarlo come strumento didattico ed educativo 😉.

Per me vale come un messaggio prezioso a fidarsi di sé e delle proprie risorse, a non smettere mai di credere in se stessi e nel successo di ciò a cui teniamo. Gli eroi non sono solo quelli dei film o delle favole, o quelli che compiono imprese inenarrabili: siamo tutti eroi, ogni giorno, tutte le volte che ci permettiamo il coraggio di esserci e affrontare la vita con le sue ombre e i suoi ostacoli, qualunque sia la nostra età.

La dedico oggi a tutte le persone che amo, in particolare a quelle che stanno affrontando un momento difficile, lo dedico ai miei pazienti, lo dedico a me stessa.

Qui il video della canzone 

Con che coraggio la pioggia vien giù
Con che coraggio il sole sale su
Serve coraggio per fare gli eroi
Serve anche a loro per fare come noi
Con che coraggio un’aquila vola
E ogni mattina un bambino va a scuola
Forse siamo tutti eroi
Ecco perché so che anche io ce la farò
Con quello che vorrò
Per quello che potrò
Con tutto il coraggio che avrò e non avrò
E non ci riuscirò
E ci riproverò
Santi Personaggi in tutti i libri degli eroi
Che danno coraggio a tutti noi…
Con che coraggio il pesce guizzò
Con che coraggio il gabbiano lo mangiò
Serve coraggio al treno che va
Come al binario che lo sorreggerà
Serve coraggio a chi parte e chi resta
E serve a noi che facciamo una festa
Forse siamo tutti eroi
Ecco perché so che anche io ce la farò
Con quello che vorrò
Per quello che potrò
Con tutto il coraggio che avrò e non avrò
E non ci riuscirò
E ci riproverò
Santo Personaggio in tutti i libri degli eroi
Ci accompagna in viaggio sempre un passo avanti a noi
Dietro il suo coraggio c’è una Santa Paura
È la mamma della mia avventura…
Ecco perché so che anche io ce la farò
Con quello che vorrò
Per quello che potrò
Con tutto il coraggio che avrò e non avrò
E non ci riuscirò
E ci riproverò
Santo Personaggio in tutti i libri degli eroi
Ci accompagna in viaggio sempre un passo avanti a noi
Ma quel passo avanti è il domani che ho
E domani ci riproverò…

unnamed


Regalati l’amore

‘Chiunque o qualunque cosa non ti dia vita, è troppo piccola per te’.

(D. White)

Se scendi a compromessi e accetti qualcuno o qualcosa che non ti fa bene non potrai essere felice, nè stare bene. Il tempo per cambiare non si esaurisce mai. Ti aspetta. Anche se lo hai scoperto solo ora puoi farlo, fallo!

Se vuoi puoi donarti un regalo preziosissimo, dal valore inestimabile.

Regalati il poter essere te stesso.

Regalati l’amore per te.

volo


L’arte della cura

Queste riflessioni le scrissi qualche tempo, ma le sento ancora molto attuali..

Il bosco che abito ormai da anni. Quello della cura. All’inizio del mio ingresso lo percepivo fitto, buio, caotico. Ora invece al suo interno riesco a riconoscere la varietà delle piante che vi dimorano. Meravigliosamente infinita. Apprezzo e scelgo la diversità degli alberi. La loro bellezza. Tanto maestosa quanto fragile. Il loro bisogno di accudimento. Quello che opero da anni è un allenamento costante, impegnativo, faticoso, che mi ha portato a sentire quando queste delicate nature necessitino di aria (‘dai estirpiamo insieme le erbacce che ti soffocano’). O invochino più luce (‘un attimo, ti faccio spazio, guarda qui fuori’). O inaridiscano perché hanno sete (‘ho con me ancora un goccio, è tutto per te se lo vuoi’). Semplicemente desiderino essere viste (‘io sono qui, ti ascolto’).
Un bosco che appariva senza uscite e senza inizi. Il luogo ora delle sorprese e della crescita, del dolore inaspettato, della gioia conquistata e della paura, dell’incontro e della fuga, dell’impotenza, della vittoria, dell’ansia, della calma.
Il bosco che a tratti prende nutrimento da una terra sì bagnata e scivolosa, ma densa, feconda, calda, ricca, che guarda al cielo, capace di inondare di luce e contenere
Questa è la mia Psicoboscoterapia: il mio viaggio di scoperta e riflessione sui mondi possibili e percorribili. Il viaggio del disvelamento delle risorse comunicative e corporee chiamate quotidianamente in causa e in aiuto. Il viaggio della creatività che si compie attraverso la parola, il gesto, il fare con. Come fosse un’arte, l’arte della cura.
Ho vissuto e vivo la potenza della relazione come agente di cambiamento. Reciproco, investe anche me. Mi affido con fiducia all’ascolto, non giudicante, che mi aiuta a riconoscere i confini tra i bisogni altrui e quelli miei.
Ora percepisco più nitido il mio vedere, mi permette di prendere le distanze emotive dalle fantasie, ombre e proiezioni. Alimenta il mio vissuto grazie all’esperienza dell’altro, mi riempie.
Sento la meraviglia e lo stupore nel riconoscimento del grande valore che accompagna il mio muovermi sicura nel bosco del disagio.
Mi sento molto fortunata per il lavoro che ho scelto. Rimane vivo e forte il desiderio in me di proseguire oltre, esplorare le strade che ancora sento impervie, avvicinarmi a nuove piante, quelle che non conosco, quelle nascoste, quelle apparentemente spoglie, costruendo sentieri e passatoie o dando spazio perché esse diventino visibili e raggiungibili, rigogliose e forti. Libere.

bosco

L’illustrazione è di Silvana Battistello


Di tutto restano tre cose..

‘Di tutto restano tre cose: la certezza che stiamo sempre iniziando, la certezza che abbiamo bisogno di continuare, la certezza che saremo interrotti prima di finire.
Pertanto, dobbiamo fare dell’interruzione un nuovo cammino, della caduta un passo di danza, della paura una scala, del sogno un ponte, del bisogno un incontro’. (F Pessoa).

Mai come ora queste parole mi infondono un calda sensazione di speranza e serenità.

L’illustrazione è di Silvia Lazzarin illustrazioni

illustrazioni


Siamo come funamboli

‘E scrivere, danzare, comporre, dipingere, sono la stessa cosa che amare. Funambolismi.’ (Maxence Fermine).

C’è sempre un equilibrio da aggiustare e dei piccoli movimenti da ripetere e modificare di volta in volta per mantenerci saldi e sicuri lungo il filo dell’amore. A volte è necessario fermarci per riprendere il fiato e aspettare il momento buono per compiere il passo successivo; altre volte possiamo permetterci anche delle piccole corse o acrobazie sul filo, tanto siamo certi che possa sorreggerci senza farci cadere; ogni giorno è necessario tenerlo pulito e curato, perché possa sostenerci nonostante le inevitabili sferzate del vento.

fun


Possiamo volare

‘A ciascuno il compito di trasformare le proprie ferite in punti di inserimento per le ali’. (J Sullivan)

Oggi un paziente mi ha chiesto se riuscirà mai dimenticare quello che gli è accaduto da piccolo. Gli ho risposto che no, non dimentichiamo ciò che abbiamo vissuto ma possiamo trasformarlo e farsí che diventi un nostro pezzetto interno prezioso e amato, il punto in cui far nascere qualcosa di diverso e meraviglioso. Delle splendide ali, perché no?

Tutto questo attraverso un cammino di fiduciosa attesa, accoglienza, comprensione e riconoscimento delle emozioni e dei pensieri che sono legati a quel trauma…E allora arriverai a non pensare più di voler dimenticare, ma ti accorgerai che in un certo senso sarai addirittura fiero e orgoglioso di aver cura e conservare quel pezzetto dentro di te.

2


Desiderio di purezza..

‘Occorreva che liberassi quello che era represso in me; che convogliassi tutto quello che era disperso in un’unica corrente, per fondere in essa tutto quello che sapevo, che ero, che avevo capacità di fare; bisognava profondere in essa tutta la mia esperienza di vita di montagna, di boscaglia, la poca esperienza di guerra, la mia resistenza e il mio senso d’orientamento, l’ostinatezza, lo spirito di avventura, il mio inesauribile desiderio di purezza, di miracolo, il mio anelito a realizzare me stesso, a essere una volta tanto, forse unica volta nella mia vita, senza compromessi di sorta, tutto quello che avevo potuto essere e che per mille ragioni non fui.’

Dal libro Fuga sul Kenya di Felice Benuzzi, una straordinaria lettura che racconta l’avventura, realmente accaduta, della fuga dell’alpinista italiano, insieme a due compagni, da un campo di concentramento britannico per tentare la scalata al monte Kenya.


27625377_2152937451659583_4279443363609289335_o
(Illustrazione di Emiliano Ponzi)


Abbiamo tutti un Cavaliere in cuore

‘In cuore abbiamo tutti un Cavaliere
pieno di coraggio,
pronto a rimettersi sempre in viaggio,
e uno scudiero sonnolento,
che ha paura dei mulini a vento..
Ma se la causa è giusta, fammi un segno,
perché – magari con una spada di legno – andiamo, Don Chisciotte, io son con te!’

(Gianni Rodari -Don Chisciotte)

 

orso


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: