Dr.ssa Francesca Consonni


PSICOLOGIA E DINTORNI

COSA E’ LA PSICOLOGIA?

La Psicologia è una scienza che si occupa dei processi della mente, del comportamento e delle relazioni umane con lo scopo di promuovere il miglioramento della qualità della vita.

La Psicologia è un sapere che, data la complessità dell’essere umano, si fonda sui risultati della ricerca scientifica e sui contributi delle discipline antropologiche.

Le competenze e gli strumenti offerti attualmente dalla Psicologia hanno applicazioni in tutti i contesti della vita quotidiana nei quali ci si occupa del benessere psicologico dell’individuo, quali:

passaggi critici nel ciclo di vita (infanzia, adolescenza, coppia e sessualità, gravidanza, terza età)

prevenzione e benessere (salute, stili di consumo, sicurezza, violenza, dipendenza da sostanze)

educazione e sviluppo (scuola, disturbi dell’apprendimento, genitorialità, processi di formazione)

disturbi cognitivi (valutazione e riabilitazione neuropsicologica in seguito a cerebrolesione acquisite (trauma cranico,ictus, emorragie cerebrali, ecc) o in caso di malattie neurologiche/degenerative (sclerosi multipla, morbo di Alzheimer, malattia di Parkinson,ecc)

lavoro ed organizzazioni (selezione, testing e valutazione, presa di decisioni, analisi organizzativa, team building), e in numerosi altri ambiti -come immigrazione, giustizia, sport, ergonomia, eventi traumatici..

  CHI E’ LO PSICOLOGO?

L’art. 1 della Legge 56/89 definisce:

“La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.”

Cosa fa lo Psicologo?

Lo Psicologo è un professionista che opera per favorire il benessere delle persone, dei gruppi, degli organismi sociali e della comunità. Si occupa di psicopatologia, ma non solo. Altre importanti aree di intervento riguardano una molteplicità di situazioni, personali e relazionali, che possono essere fonte di sofferenza e di disagio.

L’attività dello Psicologo ha l’obiettivo di favorire il cambiamento, potenziare le risorse e accompagnare gli individui, le coppie, le famiglie, le organizzazioni (es. scuola, azienda, ecc.) in particolari momenti critici o di difficoltà.

Tra i molteplici ambiti di applicazione della Psicologia si possono indicare gli ospedali, i consultori, le scuole, il tribunale, i servizi per l’infanzia e l’adolescenza, le comunità terapeutiche, le residenze per anziani. Nuovi settori sono quelli della psicologia penitenziaria, transculturale, della neuropsicologia, dell’emergenza, del traffico, dello sport e del benessere in senso lato.

Per diventare Psicologo in Italia è necessario:


• laurearsi in Psicologia (5 anni di studio)

• svolgere un tirocinio post-lauream della durata di 1 anno

• conseguire l’Abilitazione all’esercizio della professione mediante Esame di Stato

• iscriversi all’Albo professionale


Sono abilitati all’esercizio dell’attività di Psicologo solo i professionisti iscritti all’Albo, a cui i cittadini possono fare riferimento per verificare se un professionista è abilitato. Gli eventuali casi di esercizio abusivo devono essere segnalati all’Ordine degli Psicologi (www.opl.it).  

  CHI E’ LO PSICOTERAPEUTA?

Lo Psicologo abilitato all’esercizio della Psicoterapia è in possesso di una specifica Specializzazione in Psicoterapia, formazione post-universitaria di quattro anni.

La Legge 56/89 regola l’esercizio dell’attività psicoterapeutica, con l’art. 3:

“L’esercizio dell’attività psicoterapeutica è subordinato ad una specifica formazione professionale, da acquisirsi, dopo il conseguimento della laurea in psicologia o in medicina e chirurgia, mediante corsi di specializzazione almeno quadriennali che prevedano adeguata formazione e addestramento in psicoterapia, attivati ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, presso scuole di specializzazione universitaria o presso istituti a tal fine riconosciuti con le procedure di cui all’articolo 3 del citato decreto del Presidente della Repubblica. Agli Psicoterapeuti non medici è vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica.”

Cosa fa lo Psicologo Psicoterapeuta?

Lo Psicologo che esercita anche l’attività di Psicoterapeuta ha una specifica specializzazione di almeno 4 anni dopo la laurea.

Lo Psicoterapeuta si specializza scegliendo il suo percorso formativo tra diverse Scuole che adottano specifici modelli della mente e del suo funzionamento, del comportamento e delle relazioni.

La competenza comune che contraddistingue questo percorso di specializzazione permette allo Psicoterapeuta di offrire al paziente un percorso di cura per affrontare le diverse forme di sofferenza psicologica, da quella più lieve a quella più grave.

  CHI E’ IL DOTTORE IN TECNICHE PSICOLOGICHE?

Il D.P.R. 328/2001 ha modificato l’Ordinamento della professione istituendo nell’Albo due diverse sezioni:

Sezione A – Psicologo – con laurea specialistica in Psicologia (durata 5 anni)

Sezione B – Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro  o Dottore in tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità,  con laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (durata 3 anni).

Con il DPR 32801 e successive modifiche, allo Psicologo è affidato anche il compito di coordinare il lavoro degli iscritti nella Sez. B.

In allineamento con i Paesi Europei, quindi, anche in Italia per essere abilitati a svolgere l’attività di Psicologo è necessaria la laurea specialistica (5 anni).

Le attività professionali che formano oggetto delle professioni  degli iscritti all’Albo nella Sezione B, sono così individuate:

a) Per il settore delle tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro: 
1) realizzazione di progetti formativi diretti a promuovere lo sviluppo delle potenzialità di crescita individuale e di integrazione sociale, a facilitare i processi di comunicazione, a migliorare la gestione dello stress e la qualità della vita 
2) applicazione di protocolli per l’orientamento professionale, per l’analisi dei bisogni formativi, per la selezione e valorizzazione delle risorse umane 
3) applicazione di conoscenze ergonomiche alla progettazione di tecnologie e al miglioramento dell’interazione fra individui e specifici contesti di attività 
4) esecuzione di progetti di prevenzione e formazione sulle tematiche del rischio e della sicurezza
5) utilizzo di test e di altri strumenti standardizzati per l’analisi del comportamento, dei processi cognitivi, delle opinioni e degli atteggiamenti, dei bisogni e delle motivazioni, dell’interazione sociale, dell’idoneità psicologica a specifici compiti e condizioni 
6) elaborazione di dati per la sintesi psicodiagnostica prodotta dallo Psicologo 
7) collaborazione con lo Psicologo nella costruzione, adattamento e standardizzazione di strumenti di indagine psicologica e attività didattica nell’ambito delle specifiche competenze caratterizzanti il settore

b) Per il settore delle tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità: 
1) partecipazione all’équipe multidisciplinare nella stesura del bilancio delle disabilità, delle risorse, dei bisogni e delle aspettative del soggetto, nonché delle richieste e delle risorse dell’ambiente 
2) attuazione di interventi per la riabilitazione, rieducazione funzionale e integrazione sociale di soggetti con disabilità pratiche, con deficit neuropsicologici, con disturbi psichiatrici o con dipendenza da sostanze
3) collaborazione con lo Psicologo nella realizzazione di interventi diretti a sostenere la relazione genitore-figlio, a ridurre il carico familiare, a sviluppare reti di sostegno e di aiuto nelle situazioni di disabilità
4) collaborazione con lo Psicologo negli interventi psico-educativi e nelle attività di promozione della salute, di modifica dei comportamenti a rischio, di inserimento e partecipazione sociale
5) utilizzo di test e di altri strumenti standardizzati per l’analisi del comportamento, dei processi cognitivi, delle opinioni e degli atteggiamenti, dei bisogni e delle motivazioni, dell’interazione sociale, dell’idoneità psicologica a specifici compiti e condizioni
6) elaborazione di dati per la sintesi psicodiagnostica prodotta dallo Psicologo
7) collaborazione con lo Psicologo nella costruzione, adattamento e standardizzazione di strumenti di indagine psicologica e attività didattica nell’ambito delle specifiche competenze caratterizzanti il settore

Le informazioni sopra scritte sono state prese da sito dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia (www.opl.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: